Siamo di Allah e a Lui facciamo ritorno

As-salamu ‘alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu.

Cari fratelli e sorelle della ummah italiana,

Leggo sul Corriere che nostra sorella Assunta (che Allah abbia misericordia di lei) è stata cremata. Pare le sia stata negata perfino salatu-l-janâza, la preghiera funebre.

Dicono che i suoi parenti abbiano chiesto alla parrocchia di celebrare messa, ma che la curia abbia rifiutato : «La donna si era convertita all’Islam, non possiamo dunque soddisfare questa richiesta». Che la signora fosse musulmana, pare dunque fosse cosa risaputa addirittura per la Chiesa. Tuttavia, la Ummah italiana sembra non se ne sia accorta. Subhanallah, tutti abbiamo visto la signora che, assillata dai giornalisti, dichiarava in diverse occasioni di essere musulmana, con lo hijâb sul capo.

I mafiosi del clan Casamonica hanno avuto più coraggio di noi, astaghfirullah, noi musulmani abbiamo paura anche di fare una preghiera per l’anima di una vecchia signora morta d’ingiustizia.

Ogni defunto musulmano ha dei diritti sulla comunità, tra questi vi è che si preghi su di lui. Questo è ciò che la giurisprudenza islamica chiama ‘fard kifâya’, un dovere collettivo della ummah. Se anche solo un piccolo gruppo di persone lo assolve, tutti gli altri ne sono esentati. Se, invece, nessuno se ne preoccupa, tutta la comunità è rea di non aver assolto a un obbligo, e risponderà di conseguenza nel Giorno in cui nessuno di noi potrà nascondere la testa sotto la sabbia.

Ma guardate la Misericordia dell’Islam :

‘Se un defunto fosse seppellito senza preghiera, si prega sulla sua tomba. Il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) e i suoi compagni pregarono sulla tomba di una donna che si occupava della pulizia della moschea. Si può eseguire la salah per il morto anche se la salma non è presente, anche se essa si trova a una grande distanza. Il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui), che si trovava a Medina, pregò per il Negus, che era morto in Abissinia’ (La Via del Musulmano, di Abu Bakr Al-Djazairi, p. 313, trad. Hamza Roberto Piccardo).

Io chiedo in nome di Allah ai fratelli in Italia di mettersi in fila, foss’anche a casa loro in 4 gatti, e recitare per sorella Assunta la preghiera funebre dell’assente. Questo, secondo il mio umile parere, è davvero, ma davvero il minimo che possiamo fare per nostra sorella, che non abbiamo saputo difendere da viva. Da quello che sappiamo – e islamicamente ci è richiesto di giudicare da ciò che appare, ché il cuore lo conosce solo Allah – la signora Assunta era musulmana. Subhanallah era nostra sorella ! Abbiamo assistito all’arresto e all’ingiusta detenzione di due persone anziane che semplicemente volevano raggiungere la loro figlia, senza rendersi conto delle implicazioni della loro decisione. La signora Assunta chiedeva se avrebbe potuto portarsi il gatto, o se avrebbe avuto un giardino. L’hanno fatta morire di dolore, nell’oblìo della ummah. Ebbene, Allah non dimentica ; che Allah abbia misericordia di lei, perdoni i suoi peccati e le conceda nel Jannah quel giardino che non ha potuto avere in questo mondo, amin. Subhanallah, l’abbiamo dimenticata in vita, diamole il suo diritto almeno da morta. E che Allah ci perdoni, amin.

Barakallahu fikum.

Wa-s-salam

Vostra sorella Aisha.

(P.S. : Ogni commento inappropriato, che offenda la memoria della defunta, verrà immediatamente rimosso, insieme al suo autore. Grazie della comprensione.)

2 thoughts on “Siamo di Allah e a Lui facciamo ritorno

  1. Aggiornamento: Alhamdulillah, la preghiera funebre per nostra sorella e’ stata compiuta da un gruppo di fratelli, venerdi’ scorso dopo salatu-l-jumu’ah. Che Allah ricompensi l’imam che ha preso l’iniziativa e tutti gli oranti, amin.

  2. Alhambdullilah che almeno questi nostri fratelli hanno fatto la salat x questa nostra sorella.Che Allah perdoni gli altri fratelli e sorelle che in un momento come questo non hanno saputo captare il dramma che stava accadendo.Che Allah ci aiuti e ci protegga sempre. Amin.
    Sara Umm Adam.

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...