A proposito di censure

بسم الله الرحمان الرحيم

 

In nome di Dio il Clemente e Misericordioso

Alcune settimane fa destò scalpore la chiusura temporanea di cinque siti Internet da parte della Procura di Cagliari nell’ambito della nuova inchiesta sulla presunta attività di terrorismo internazionale. Si può vedere qui:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/siti-islamici-scatta-la-censura/2179219

http://www.personaedanno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=38684&catid=173&Itemid=420&mese=04&anno=2012

Riprendiamo quest’ultimo collegamento e leggiamo:

“PM sequestra blog fondamentalista senza aspettare il GIP” – Deborah Bianchi

Per la prima volta in Italia un pubblico ministero ordina l’oscuramento di blog mediante un sequestro di iniziativa, cioè senza la preventiva autorizzazione del Gip.

La Procura di Cagliari ha disposto il blocco dell’accesso a siti che verrebbero utilizzati per fomentare il terrorismo di matrice islamica. Il provvedimento, che Il Sole 24 Ore ha potuto leggere, inibisce i siti blog.libero.it/islamnuri, blog.libero.it/islamitalia, ummusama.wordpress.com, islamo-il-monoteismo.over-blog.com e abulbarakat.wordpress.com. I primi due al momento risultano addirittura rimossi dalla piattaforma di Libero, nonostante il pm Danilo Tronci si era limitato a chiedere l’oscuramento di tutti («sequestro preventivo d’urgenza»), cioè aveva ordinato ai provider internet di impedirvi l’accesso da parte degli utenti internet, ma non di cancellarli.
Secondo la Digos di Cagliari, gli indagati, «appartenenti a una corrente fondamentalista islamica» hanno usato i siti per diffondere «materiale di propaganda religiosa incitante al compimento di atti di violenza» e «informazioni e documenti concernenti l’apprendimento di tecniche di guerra a scopo terroristico», quali la «preparazione o l’uso di materiali esplosivi, di armi da fuoco ed altre armi». Il provvedimento cita due persone, come utilizzatori di quei siti: Luca De Martini (uno degli indagati e membro del direttivo dell’associazione islamica cagliaritana El Hoda) e Andrea Campione (colpito da ordinanza di custodia cautelare). Il Sole 24 Ore ieri ha analizzato i tre siti non rimossi senza trovare i contenuti contestati dalla Digos; ci sono solo articoli che parlano della cultura e della religione musulmana e commenti inoffensivi. È possibile che i gestori abbiano nel frattempo eliminato il materiale compromettente, ma da alcune parti sorge il dubbio che il provvedimento di oscuramento sia stato «sommario». È questa la denuncia del senatore Marco Perduca, che presenterà un’interrogazione al ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, «per ottenere chiarimenti». «Qualche dubbio deriva anche dalle caratteristiche di quei siti: i gestori non si nascondono dietro pseudonimi; si tratta di blog alla luce del sole, inoltre, mentre al solito i gruppi terroristici si avvalgono di forum e si scambiano informazioni criptate», dice Fulvio Sarzana, avvocato esperto di diritto internet.

Ecco qui l’interrogazione dei senatori Perduca e Vita:

http://perdukistan.blogspot.co.uk/2012/04/normal-0-14-false-false-false-it-x-none.html

C’è poco da aggiungere: oggi i siti succitati sono novamente visitabili. Notiamo con piacere che sia nell’opinione pubblica italiana sia nelle principali forze politiche non islamofobe sta crescendo la consapevolezza del fatto che, in nome della lotta ad un nemico invisibile, si corre il rischio di ledere gravemente i diritti della collettività in materia di libertà d’espressione.

Poiché nell’inchiesta sono coinvolto anch’io che scrivo, attendo la chiusura delle indagini per esprimermi pubblicamente, non tanto sulla questione giudiziaria in sé, essendo io assolutamente innocente ed estraneo a qualsivoglia atto illegale, quanto sulla signficazione politica e culturale di questa vicenda. Posso solamente ribadire in questa sede che azioni quali le stragi di Piazza Fontana, di Piazza della Loggia e della Stazione di Bologna, volte ad ammazzare a casaccio civili inermi e a provocare il terrore fra la popolazione civile (cito fatti di autentico terrorismo avvenuti nello Stato italiano) sono rigettati nel modo piú fermo dalla religione islamica e dai musulmani ben guidati.

Una considerazione di carattere generale a partire da questa inchiesta, però, vorrei comunque svolgere. Posto che il Creatore Solo conosce ciò che si cela nel cuore degli uomini, e che dunque noi uomini non possiamo capire sempre quali siano le intenzioni della gente, è chiaro che chiunque si metta ad inviare per posta elettronica a tranquilli cittadini musulmani testi che trattino di fabbricazione di bombe o di preparazione di atti terroristici come quelli che ho nominato nelle righe precedenti, oggettivamente causa il male dei musulmani stessi.

La lode spetta ad Allah Signore dei mondi.

Abdullah Nur as-Sardani

Advertisements

2 thoughts on “A proposito di censure

  1. As-salamu ‘alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu.

    @ azioni quali le stragi di Piazza Fontana, di Piazza della Loggia e della Stazione di Bologna, volte ad ammazzare a casaccio civili inermi e a provocare il terrore fra la popolazione civile (cito fatti di autentico terrorismo avvenuti nello Stato italiano) sono rigettati nel modo piú fermo dalla religione islamica e dai musulmani ben guidati.

    Aggiungerei la recente strage della scuola di Brindisi, nonostante le vergognose esternazioni di Mentina:

    Sono gravi le accuse discriminatorie del giornalista e conduttore televisivo di La7, Enrico Mentana, che senza tanti peli sulla lingua e con una certa sciatteria linguistica, mostrando appieno la sua natura islamofoba, ieri sera ha dichiarato che la strage avvenuta a Brindisi, nell’Istituto professionale femminile Francesca Laura – Morvillo Falcone ha matrice islamica.
    Il conduttore non si è però soltanto fermato ad un’affermazione di questo genere, ovviamente priva di fondamento di ogni tipo, ma ha continuato giustificando imperterrito la sua supposizione fantascientifica e offensiva nei confronti delle migliaia di musulmani in Italia, farneticando del cosiddetto “noto disprezzo che l’Islam ha nei confronti delle donne”.

    fonte

  2. As-salamu alaikum wa rahmatullah wa barakatuhu
    بسم الله الرحمان الرحيم
    alhamdulilleh che le persone intelligenti comprendono la verità proveniente da Allah subhana wa ta°ala e che ci sono fratelli e sorelle come voi che non cessano di lottare con la sapienza e la verità perché il nome dell’Islam sia sempre alto e onorato e per diffondere la consapevolezza nella Ummah. Prego Allah che vi protegga e vi preservi sempre e vi sostenga nello sforzo della vostra dava. Allah ma°akum ukhty al-karima akhy al-karim.
    Fi Amani Allah wassalam Aaminah

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...