“Perché io?…”, la testimonianza di una sorella che ha scelto per i suoi figli l’homeschooling


بسم الله الرحمن الرحيم

I miei figli sono ancora piccoli, il piu’ grande ha soltanto 6 anni, cosi’ la mia esperienza personale come ” insegnante a casa” e’ piuttosto limitata. Anche prima che mi sposassi sapevo che non avrei mai iscritto i miei figli alle scuole comuni. La mia esperienza come alunna prima e insegnante dopo, mi aveva gia’ convinta. Era cosi’ importante da dover essere discusso ancor prima del tempo. L’unica opzione possibile sembrava la scuola Musulmana. Avendo lavorato in alcune di queste, il mio istinto mi diceva che l’alternatvia non fosse valida, strutture troppo limitate.
Voglio che i miei figli giochino e si divertano praticando delle attivita’ sportive.
Avevo gia’ sentito del “fare scuola a casa” (o homeschooling). Immaginavo famiglie di questo tipo come bizzarre, eccentriche. Comunque, dopo aver incontrato alcune di queste persone, iniziai ad ammirare quelle che riuscivano veramente a farlo. Neanche sognavo di poterne essere capace. Queste madri erano dal mio punto di vista delle madri senza macchia, meravigliose che si sacrificavano con una pazienza senza limiti. Io? Mai! Sono troppo egoista; ho bisogno del tempo per me stessa : stare coi bimbi 24/7? Finiro’ per diventare un mostro che non fa altro che sbraitare tutto il giorno! Appertengo alla generazione delle donne egocentriche, viziate e essere materne non e’ naturale nella mia natura. Mi ricordo persino del sentimento di risentimento che nutrivo verso il mio primogenito ancora in fasce per interrompere il mio sonno di notte!
Sfortunamtamente io, come la maggior parte delle donne allevate in questa societa’, trovo la maternita’ difficile. Abbiamo subito un lavaggio al cervello che ci ha indotto a farci credere che cio’ non porta a nulla, che non dona alcun contributo alla societa’, che addirittura e’ degradante. Provo ancora un po’ di rimorso quando incontro i vecchi compagni di classe che mi chiedono: ”Cosa fai?” quando gli dico che sono mamma a tempo pieno, c’e’ un iniziale shock e poi: “Quando ritorni a lavorare?” Io sto lavorando! La maternita’ e’ la spina dorsale della societa’; buone madri (e padri) producono buoni figli ( Insha’ALLah) che plasmano a loro volta una buona comunita’. Guardate la societa’ oggigiorno, c’e’ ovviamente qualcosa che manca ( fede, morale, bravi genitori). La maternita’ e’ qualcosa di cui essere fieri, perche’ e’ davvero dura ed e’ cosi’ facile commettere errori irreparabili. E’ duro lavoro, e se non siamo fiere di questo ruolo delicato, difficile, e pieno di richieste, allora non daremo il nostro meglio. Al Hamdulilllah, alla fine raggiunsi la consapevolezza non vi era altra strada.Poi ho subito un pestaggio allorquando amici e parenti ne sono stati informati. Ne siamo sopravvissuti ma hanno ancora il potere di mettermi ansia e farmi riaprire i vecchi libri.
Dunque abbiamo preso la nostra decisione e siamo qui. Ho imparato molto, soprattutto su me stessa in questi ultimi anni. All’inizio ero piu’ su una linea di scolarizzazione, il mio figlio maggiore era soggettto ad ogni forma di libri, compiti, obiettvi, anche minacce….e soltanto dall’eta’ di 2 anni e mezzo! Ringraziando Dio mi sono calmata da allora e adesso i bimbi trascorrono la maggior parte del tempo giocando a meno che non siano essi stessi a decidere di lavorare. Insha’Allah spero che i bambini si auto-istruiscano. Inoltre ho realizzato che non ero realmente istruita. Ho tanti pezzi di carta ma trattengo poco nel cervello. Dunque sto cercando di dirigere inziando con me stessa. E funziona! Non appena mi sono seduta per scrivere questo pezzo, tutti e tre i miei bambini si sono seduti chiedendo carta e penna.
Penso che i bambini amano imitare. Se trascorro la giornata arrancando qua e la,’ pulendo e lamentandomi, i bambini finiscono col frignare e piagnucolare. Qualche volta mi diletto a disegnare e quando lo faccio, mi accorgo che il maggiore dei miei figli si unisce. Quando leggo, anch’essi leggono. Quando prego prendono i loro piccoli tappeti della preghiera. Dunque ritengo che le mamme che istruiscono i figli a casa dovrebbero trascorrere del tempo istruendo in modo visibile se stesse. Sono sicura della mia decisione. L’ idea base e’ questa: non sono soddisfatta della mia preparazione personale e non voglio questo per i miei figli. Vorrei che i miei figli fossero allevati come Musulmani, parte della migliore delle nazioni” che capissero chi sono e perche’ sono qui. Che Allah ci doni la volonta’, la forza, e la pazienza di farlo ameen.
 

Tradotto da un articolo da [Islamic Home Schooling Advisory Network (IHSAN)],

jazakillahu khayran ukhti Amatullah

Advertisements

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...