Attenzione alla magia e ai maghi


بسم الله الرحمان الرحيم

Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo

Scritto dallo shaykh Sulaymân ibn Nasir Al-’Alwan (hafizahullah) il 21/1/1417 H.; rivisto un’ultima volta il 9/1/1421 H.


Tutta la Lode spetta ad Allah, che la Pace sia sul nostro Profeta Muhammad (sallAllahu ‘alayhi waSallam); amma ba’d:

In verità, la cosa più grande nel Jihâd e nella virtù è di opporsi ai nemici di questa religione, quali gli stregoni[1], gli indovini e i maghi. Certo, il loro male si è sparso, e i danni provocati dalle loro azioni hanno provocato la paura tra i credenti, mentre essi (i maghi) non si preoccupano (degli effetti) delle loro malefatte.

Allah (‘azza waJalla) ha promesso a questi mujrimûn (criminali) la punizione del Saqr! E chi ti spiegherà cos’è il Saqr?

Allah (‘azza waJalla) ci ha informati nel suo Glorioso Libro che i maghi sono dei miscredenti, dicendo:

…Essi però non insegnarono nulla senza prima avvertire: “Badate che noi non siam altro che una tentazione: non siate miscredenti”. E la gente imparò da loro come separare l’uomo dalla sua sposa, ma non potevano nuocere a nessuno senza il permesso di Allah. Imparavano dunque ciò che era loro dannoso e di nessun vantaggio. E ben sapevano che chi avesse acquistato quell’arte, non avrebbe avuto parte nell’altra vita… (Corano II. Al-Baqara, 102)

La maggior parte dei sapienti della scuola Hanafita, della scuola Malikita e della scuola Hanbalita sono concordi sul Kufr (la miscredenza) dello stregone, sul fatto che egli si ponga al di fuori della religione e rientri nei ranghi di coloro che sono destinati all’Inferno.

Allo stesso modo, l’Imâm Muhammad Ibn ‘Abdul-Wahhab (rahimahullah) menzionò la stregoneria come una delle cose che annulla l’Islâm di qualcuno. E menzionò con essa “As-Sarf” e “Al-Ataf”.

“As-Sarf” designa il ricorso alla magia per far odiare una persona amata.

“Al-Ataf” designa il ricorso alla magia per far amare qualcuno che non sia apprezzato, per esempio un marito per sua moglie o viceversa. La gente malvagia chiama ciò “la medicina dell’amore”, ma in realtà essa non causa altro che dei danni e del torto!

Allora, attenzione! Attenzione ai maghi, agli indovini e ai mistici, a tutti coloro che vanno contro ciò per cui Allah (subhanaHu waTa’ala) inviò il Suo Messaggero Muhammad (sallAllahu ‘alayhi waSallam). In verità, essi causano l’agitazione invece dell’armonia e portano con sé il male in luogo del profitto.

Oltre a tutto ciò, i Sahaba (radiAllahu ‘anhum) sono unanimemente d’accordo sul fatto che i maghi debbano essere uccisi. Ciò a causa della gravità del male che essi commettono e del pericolo che rappresentano, e anche in ragione della loro distanza dall’Imân (Fede) e dalla loro vicinanza a Shaytân (audhubillah).

Abu Dâwûd (rahimahullah) menzionò, con una catena di narrazione autentica, da Sufyan, da ‘Amr ibn Dinar, da Bajalah ibnu ‘Abdah che disse: “Ricevemmo una lettera da ‘Umar (radiAllahu ‘anhu), un anno prima della sua morte, nella quale egli ci ordinava: “Uccidete tutti i maghi”.”.

Inoltre, è riportato il seguente fatto autentico su Hafsah (radiAllahu ‘anha): ella ordinò che una delle sue schiave fosse giustiziata a causa del tentivo di quest’ultima di praticare la magia nei suoi confronti. Ciò fu riferito da ‘Abdullah ibnu-l-Imam Ahmad secondo un hadîth di Ibn ‘Umar (radiAllahu ‘anhu).

Anche secondo Jundub, il fatto di mettere a morte i maghi era considerato un fatto autentico. Inoltre, nessun disaccordo è noto tra i Sahaba (radiAllahu ‘anhum) sull’argomento, perché si trattava di un consenso.

Infine, alla nostra epoca, il male si è in effetti propagato a tal punto che molti si recano dai maghi per cercare la guarigione e dei rimedi, pensando che essi detengano i mezzi per procurare una soluzione. Ma ciò è assolutamente falso e non fa altro che intaccare la ‘aqidah sahiha (dottrina corretta) e perturbare l’Imân (fede) di un credente.

E’ riportato nel Sahîh dell’Imâm Muslim (rahimahullah), da Yahya ibn Sa’id, da ‘Ubaydullah ibn ‘Umar al-’Umari, da Safiyyah (radiAllahu ‘anha), una delle spose del Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam), che il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse: “Chiunque vada a trovare un indovino, e lo interroghi su qualcosa, le sue preghiere non saranno accettate per quaranta notti”.

Inoltre, i maghi hanno lo stesso livello degli indovini. Perciò, chiunque li interroghi riguardo qualcosa, vedrà le proprie preghiere rigettate per quaranta notti. Ma colui che creda a tutto ciò che essi dicono diventa allora un miscredente (kafir) in ciò che è stato rivelato al nostro Profeta Muhammad (sallAllahu ‘alayhi waSallam)! Infatti, è stato riportato da Al-Hakim (rahimahullah), secondo una catena di narrazione autentica, che Abu Hurayra (radiAllahu ‘anhu) riferì: il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) disse: “Chiunque vada a trovare un indovino e creda a ciò che dice, diventa miscredente in ciò che è stato rivelato a Muhammad”

Al-Bazzar (rahimahullah) riportò una narrazione autentica da Ibn Mas’ud (radiAllahu ‘anhu), in cui disse: “Chiunque vada a vedere un indovino o un mago, e creda a ciò che dicono, allora non avrà creduto in ciò che è stato rivelato a Muhammad”.

Anche se alcuni pretendono che ciò sia un mezzo o un metodo per ottenere qualche vantaggio, occorre dire che ciò è falso, perché questi mezzi vanno contro la religione e sono opposti a ciò che è stato stabilito dal Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam)! Ciò è confermato da un racconto raccolto da Abu Dâwûd (rahimahullah), con una catena di narrazione autentica, da ‘Uqayl ibn Mu’qil, che narrò: “Sentii Wahab ibn Munbah dire, da Jabir ibn ‘Abdillah, che il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) era stato interrogato a proposito di an-Nasharah. Egli (sallAllahu ‘alayhi waSallam) rispose: “E’ l’opera di Shaytan”.”

An-Nasharah significa cercare di togliere la magia di colui che sia stato toccato da essa (con un’altra magia). Per ciò che riguarda la proibizione di togliere la stregoneria facendo ricorso ad un’altra stregoneria, gli ahadîth sono chiari. E, per Allah, che cosa strana! Come potrebbe essere accettabile togliere la magia di colui che ne sia toccato andando dai maghi, quando i Sahaba del Profeta (che Allah si compiaccia di tutti loro) erano tutti d’accordo sul fatto che i maghi debbano essere uccisi!? E’ obbligatorio per il Musulmano ucciderli, e non cercare attraverso di essi un mezzo di guarigione.

Togliere la magia di colui che ne sia toccato dovrebbe essere fatto mediante i mezzi legiferati dalla religione, ossia tramite la Parola di Allah (sallAllahu ‘alayhi waSallam) e le parole riportate dal Messaggero di Allah (sallAllahu ‘alayhi waSallam) e con i mezzi ben noti – e ciò è stabilito nella religione.

Allah (subahanaHu waTa’ala) dice nel Sublime Corano:

Facciamo scendere nel Corano ciò che è guarigione e misericordia per i credenti… (Corano XVII. Al-Isrâ’, 82)

In questo versetto, Allah (‘azza waJalla) ha ben fatto comprendere che il Corano intero è una guarigione per ogni male; così, chiunque creda in esso, considerando halâl ciò che è halâl e harâm ciò che è harâm, troverà nel Corano tutti i benefici. E Allah (subhanaHu waTa’ala) dissiperà il male di tutti coloro che Egli trovi giusti nei loro obiettivi e nei loro desideri. Così, colui che sia toccato dalla magia dovrebbe agire con umiltà nei confronti di se stesso, fare du’ah verso Allah, e approfittare dei momenti in cui le invocazioni hanno più probabilità di ottenere una risposta, come l’ultimo terzo della notte, quando ci si trovi in stato di prosternazione, tra l’azân e l’iqâma (la grande e la piccola chiamata alla preghiera). Si tratta di momenti in cui le invocazioni sono più suscettibili di essere accettate rispetto ad altri momenti, e ciò costituisce un mezzo per colui che sia toccato dalla stregoneria.

Colui che Allah (gloria a Lui, l’Altissimo) abbia protetto dalla magia, e che non ne sia stato toccato, dovrebbe essere prudente nei confronti del male che essa può causare. Dovrebbe pronunciare le invocazioni che ci sono state tramandate dal Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) in maniera continua la notte e il giorno. Dovrebbe recitare, dopo ogni Salat, le due ultime Sûre del Corano, e Âyat al-Kursî (il Versetto del Trono, II. Al-Baqara, 255).

Se gli sia possibile, dovrebbe mangiare sette datteri tutti i giorni, di una certa varietà chiamata “al-ajwah”. L’hadîth di ‘Amr Ibn Sa’ad è riportato nei Sahihayn (Bukhârî e Muslim), così come da altre fonti: da Sa’ad (radiAllahu ‘anhu), il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) disse: “Chiunque cominci la giornata mangiando sette datteri ajwah non sarà afflitto dal veleno né dalla magia”.

Molti sapienti dell’Islâm hanno posto la condizione che i datteri siano della varietà ajwah, per via di quanto è stato trasmesso. Altri ancora hanno spiegato che il termine ajwah è generale, e che è benefico cominciare la giornata con qualsiasi tipo di datteri. Vi è qualche validità in questa opinione; anche se si dice che i datteri ajwah siano più benefici – e contengano maggiore benedizione – ciò non dovrebbe impedire di trarre profitto da qualsiasi altro tipo di datteri.

Allah è Il Solo capace di accordare la vittoria alla Sua Religione, di rendere la Sua Parola la più alta e di vincere i maghi, gli indovini e tutti coloro che spargono la corruzione sulla terra.

Che la Pace e le Benedizioni di Allah siano sul nostro Profeta Muhammad, sulla sua famiglia e i suoi Compagni, Âmîn.


[1] In italiano la persona dedita alla magia viene talvolta designata col termine “mago”, altre con la parola “stregone”; purtroppo solo il secondo termine assume un significato negativo alle orecchie della gente comune, in quanto forme di magia sono così diffuse che si fa erroneamente una distinzione tra “magia buona” (?), o “magia bianca”, e “magia nera”. E’ il caso dunque di sottolineare che dal punto di vista dell’Islâm non esiste nessun tipo di magia “accettabile”, tutte le sue forme sono di provenienza satanica e harâm.(n.d.t.)

Advertisements

One thought on “Attenzione alla magia e ai maghi

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...