La Via verso il Corano… Le Condizioni Preliminari


بسم الله الرحمان الرحيم

Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo

Alcuni stati e attitudini preliminari del cuore e dello spirito sono essenziali per qualsiasi rapporto fruttuoso con il Corano. Sviluppatele per quanto possibile, fatele divenire parte della vostra coscienza, mantenetele sempre in attività. Integratele nelle vostre azioni, fatele penetrare nel profondo del vostro essere. Senza l’aiuto di queste risorse interiori, non potrete ricevere tutte le benedizioni del Corano. Esse saranno le vostre compagne indispensabili nel corso del vostro viaggio.

Queste risorse interiori non sono né difficili né impossibili da trovare. Attraverso una presa di coscienza e una riflessione costante, attraverso parole e azioni appropriate, potete acquisirle e svilupparle. Maggiormente agirete in questo modo, più vi avvicinerete al Corano; e più vi avvicinerete al Corano, maggiori frutti raccoglierete.

La Fede nella Parola di Allah (‘azza waJalla)

Accostatevi al Corano con una Fede (Îmân) forte e profonda nel fatto che si tratta della Parola di Allah (che Egli sia Esaltato e Magnificato), il vostro Creatore e Signore.

Perché una tale fede è preliminarmente necessaria? Non vi è dubbio sul fatto che, qualunque sia la condizione spirituale del lettore, quest’ultimo trarrà sempre un insegnamento da una lettura ordinaria del Corano. Ma questo Libro non è ordinario; esso comincia con una dichiarazione esplicita:

ذَلِكَ الْكِتَابُ لَا رَيْبَ فِيهِ هُدًى لِلْمُتَّقِينَ (2)

Ecco un Libro che non è soggetto ad alcun dubbio. È una guida per coloro che temono (il Signore) (Corano II. Al-Baqara, 2)

Il vostro scopo, quando recitate il Corano e lo studiate, non è ordinario; voi vi ricercate la direzione che trasformerà tutto il vostro essere e che vi guiderà sulla Retta Via:

اهْدِنَا الصِّرَاطَ الْمُسْتَقِيمَ (5)

Guidaci sulla Retta Via… (Corano I. Al-Fâtiha, 5)

Guidaci sulla Retta Via… è l’appello del vostro cuore, di cui il Corano è la risposta.

Potete ammirare il Corano, e trarne delle informazioni, ma non potrà trasformarvi finché le sue Parole non vi penetrino e vi facciano prendere coscienza, finché vi colpiscano, vi guariscano e vi cambino. Ciò sarà possibile solo se voi le stimiate per ciò che realmente sono: le Parole di Allah (‘azza waJalla).

Senza questa Fede, non potrete acquisire le altre risorse interiori di cui avrete bisogno per cogliere l’anima del Corano e comprendere il suo messaggio. Una fede che sia ben stabilita nel vostro cuore, non potrà che suscitare in voi delle qualità e delle attitudini quali la sincerità dello scopo, il timore e il rispetto, l’amore e la gratitudine, la fiducia e la dipendenza, la volontà di lavorare sodo, la convinzione della sua Verità, la sottomissione al suo Messaggio, l’obbedienza ai suoi ordini e la vigilanza contro i pericoli che rischiano di privarvi dei suoi tesori.

Pensate alla Sua Maestà, alla Sua Gloria e alla Sua Potenza, e proverete timore e rispetto, e devozione per le Sue Parole. Riflettete sui Suoi Benefici, la Sua Grazia e la Sua Compassione, e sarete colmi di gratitudine, amore e ardore per il Suo Messaggio. Scoprite la Sua Saggezza, la Sua Sapienza e la Sua Bontà, e diverrete volontario, avido e pronto ad obbedire ai Suoi comandamenti.

È per questo che il Corano vi ricorda senza sosta questa importante verità, soprattutto nei primi versetti di diverse Sûre. Per questo è stato chiesto, anche al Messaggero (sallAllahu ‘alayhi waSallam) di proclamare la sua stessa fede:

وَقُلْ آَمَنْتُ بِمَا أَنْزَلَ اللَّهُ مِنْ كِتَابٍ

…Di’: “Credo in tutta la Scrittura che Allah ha rivelato…” (Corano XLII. Ash-Shûrâ, 15)

Tutti i credenti devono raggiungerlo nella sua fede:

آَمَنَ الرَّسُولُ بِمَا أُنْزِلَ إِلَيْهِ مِنْ رَبِّهِ وَالْمُؤْمِنُونَ

Il Messaggero crede in quello che gli è stato rivelato da parte del suo Signore, come del resto i credenti… (Corano II. Al-Baqara, 285)

Dovete, di conseguenza, essere sempre coscienti che ogni Parola che leggete, recitate, sentite o cercate di comprendere del Corano, è stata inviata a vostro favore da Allah (che Egli sia Esaltato e Magnificato).

Avete realmente questa fede? Non dovete cercare lontano per rispondere. Esaminate semplicemente il vostro cuore e il vostro comportamento. Se l’avete, allora dove sono il desiderio e l’ardore per fare del Corano il vostro compagno? Dove sono il lavoro, lo sforzo sostenuto per comprenderlo? Dove sono la sottomissione e l’obbedienza al suo Messaggio?

Come possiamo avere questa fede, e come possiamo conservarla nella vita? Benché vi siano diversi mezzi, non ne menzioneremo che uno solo qui. Il mezzo più efficace, è la recitazione del Corano stesso. Ciò può dare l’impressione di girare intorno all’argomento, ma non è affatto così. Perché, leggendo il Corano, riconoscerete certamente che si tratta proprio della Parola di Allah (‘azza waJalla). La vostra Fede aumenterà allora in intensità e profondità:

إِنَّمَا الْمُؤْمِنُونَ الَّذِينَ إِذَا ذُكِرَ اللَّهُ وَجِلَتْ قُلُوبُهُمْ وَإِذَا تُلِيَتْ عَلَيْهِمْ آَيَاتُهُ زَادَتْهُمْ إِيمَانًا وَعَلَى رَبِّهِمْ يَتَوَكَّلُونَ (2)

Poiché i veri credenti sono coloro i cui cuori tremano quando il Nome di Allah è evocato, coloro la cui fede aumenta quando i Suoi versetti sono loro recitati. E pongono la loro fiducia nel loro Signore (Corano VIII. Al-Anfâl, 2)

La Purezza dell’Intenzione

Leggete il Corano senza alcun altro scopo se non quello di essere guidati dal vostro Signore, di avvicinarvi a Lui (‘azza waJalla) e di ricercare la Sua soddisfazione.

Ciò che otterrete dal Corano dipende dallo scopo ricercato quando lo avvicinate. La vostra niyya (intenzione, scopo) è cruciale. Certamente, il Corano è stato rivelato per guidarvi, ma potreste anche sviarvi, leggendolo, nel caso in cui lo avviciniate con delle cattive intenzioni.

يُضِلُّ بِهِ كَثِيرًا وَيَهْدِي بِهِ كَثِيرًا وَمَا يُضِلُّ بِهِ إِلَّا الْفَاسِقِينَ (26)

…(Allah) svia molti (esseri umani) e molti ne dirige (verso la salvezza eterna). In verità, (Allah) non svia che gli esseri perversi (Corano II. Al-Baqara, 26)

Il Corano è la Parola di Allah (‘azza waJalla); di conseguenza, richiede tanta esclusività nell’intenzione e tanta purezza nello scopo, così come quando noi Lo adoriamo e Lo serviamo.

Non lo leggete semplicemente per il piacere intellettuale, anche se dovrete far uso di tutta la vostra intelligenza per la comprensione del Corano. Così, numerosi individui passano tutta la loro vita ad apprendere la lingua, lo stile, la storia, la geografia, il diritto e l’etica contenuti nel Corano, tuttavia la loro vita rimane immutata dal suo Messaggio. Il Corano stesso fa sovente allusione alla gente che possiede una conoscenza, ma non ne trae profitto.

Non dovreste nemmeno utilizzare il Corano allo scopo di trovarvi un sostegno per il vostro personale punto di vista, le vostre nozioni e le vostre dottrine. Poiché, se farete così, potreste allora intendere l’eco della vostra stessa voce, e non quella di Allah (Gloria a Lui, l’Altissimo). Questo approccio nella comprensione e interpretazione del Corano fu condannato dal Messaggero di Allah (sallAllahu ‘alayhi waSallam), che disse: “Chiunque interpreti il Corano secondo la sua opinione personale avrà il suo posto nel Fuoco” (riportato da Tirmidhi).

Niente è più dannoso che l’utilizzo del Corano a fini personali, in vista di acquisire i beni di questo mondo, come la fama, la stima, lo statuto o il denaro. Potreste ottenerli, ma avrete certo barattato un tesoro inestimabile contro nulla, e potreste incorrere addirittura in una perdita e una rovina eterne. Infatti, il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) disse: “Chiunque studi il Corano in vista di un qualsiasi guadagno ottenuto da parte della gente, si alzerà, il Giorno della Resurrezione, con il viso scarnificato” (riportato da Bayhaqi).

Egli (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse anche: “…Colui che impari, reciti e insegni il Corano allo scopo di essere acclamato in questo mondo, sarà gettato nel Fuoco” (riportato da Muslim).

Potrete anche trarre altri profitti – minori – dalle Parole del Corano, come la guarigione dai mali fisici, la pace interiore e la liberazione dalla povertà. Non vi sono divieti per tutto ciò; ma, di nuovo, queste cose non dovrebbero diventare lo scopo supremo della vostra ricerca nel Corano.

La lettura di ogni lettera del Corano apporta grandi ricompense. Siatene coscienti, e fatene l’oggetto della vostra intenzione, poiché ciò costituirà un importante stimolo, necessario per passare la vostra vita con il Corano. Ma non dimenticate che, quando comprenderete il Corano, l’assimilerete e lo seguirete, le ricompense che vi sono promesse sono molto maggiori, in questo mondo come nell’Aldilà. È a questo che dovete mirare.

Non soltanto il vostro scopo deve essere puro, ma ancora dovete, una volta che sarete in possesso del Corano – il Testo, insieme alla sua incarnazione vivente nella Sunnah – non riferirvi mai ad altre fonti per la vostra guarigione. Poiché ciò equivarrebbe a rincorrere dei miraggi. Ciò significherebbe una mancanza di fiducia, un denigramento del Corano. Equivarrebbe ad una fedeltà non esclusiva.

Nulla vi avvicinerà di più al vostro Signore che i momenti trascorsi con le Sue Parole. Poiché è soltanto nel Corano che approfitterete della benedizione unica di intendere la Sua “voce” e del mezzo per eccellenza di avvicinarvi a Lui.

Infine, la vostra intenzione deve essere orientata esclusivamente verso la ricerca della soddisfazione del vostro Signore, dedicando il vostro cuore, il vostro spirito e il vostro tempo all’insegnamento che Egli vi ha inviato. Questo è il vostro baratto quando vi sottomettete ad Allah (‘azza waJalla):

وَمِنَ النَّاسِ مَنْ يَشْرِي نَفْسَهُ ابْتِغَاءَ مَرْضَاةِ اللَّهِ

Ma tra gli uomini ce n’è qualcuno che ha dato tutto se stesso alla ricerca del compiacimento di Allah… (Corano II. Al-Baqara, 207)

Lo scopo e l’intenzione sono come l’anima rispetto al corpo, la capacità interiore di un seme. Molti semi si somigliano, ma nel momento in cui cominciano a crescere e a portare dei frutti, le loro differenze divengono evidenti. Più il motivo è puro ed elevato, più il valore e il prodotto dei vostri sforzi saranno grandi.

Dovete sempre chiedervi: “In vista di che cosa sto recitando il Corano?”. Ciò può essere il miglior modo di assicurare la purezza e l’esclusività dello scopo e dell’intenzione.

Gratitudine e Lodi

Siate costantemente vigilanti, lodate e testimoniate una profonda gratitudine al vostro Signore, Che vi ha fatto dono della Sua più grande benedizione – il Corano – e Che vi ha guidati verso la sua recitazione e il suo studio.

Una volta che avrete realizzato il tesoro inestimabile che si trova nelle vostre mani, è assolutamente naturale che il vostro cuore batta di gioia e che la vostra lingua si unisca ad esso per esprimere ciò che prova:

وَنَزَعْنَا مَا فِي صُدُورِهِمْ مِنْ غِلٍّ تَجْرِي مِنْ تَحْتِهِمُ الْأَنْهَارُ وَقَالُوا الْحَمْدُ لِلَّهِ الَّذِي هَدَانَا لِهَذَا وَمَا كُنَّا لِنَهْتَدِيَ لَوْلَا أَنْ هَدَانَا اللَّهُ لَقَدْ جَاءَتْ رُسُلُ رَبِّنَا بِالْحَقِّ وَنُودُوا أَنْ تِلْكُمُ الْجَنَّةُ أُورِثْتُمُوهَا بِمَا كُنْتُمْ تَعْمَلُونَ (43)

Cancelleremo il rancore dai loro petti, mentre ai loro piedi scorreranno i ruscelli e diranno: “La lode appartiene ad Allah, Che ci ha guidati a ciò! Non saremmo stati guidati, se Allah non ci avesse guidato. I Messaggeri del nostro Signore sono venuti con la verità”. Verrà proclamato: “Ecco, il Paradiso vi è dato in eredità per quello che avete fatto” (Corano VII. Al-A’râf, 43)

Di tutte le benedizioni e i favori che Egli vi ha concesso, nulla può eguagliare il Corano. Anche se ogni pelo del vostro corpo divenisse una lingua per glorificarLo e ringraziarLo, anche se ogni goccia di sangue del vostro corpo si trasformasse in una lacrima di gioia, le vostre lodi e i vostri ringraziamenti non sarebbero sufficienti rispetto all’enorme Generosità che è il Corano.

Anche se il Corano non fosse stato rivelato per noi, la sua perfezione e la sua bellezza, la sua maestà e il suo splendore meriterebbero tutte le lodi di cui disponiamo. Ma il fatto che questo dono sublime e perfetto, la cui distinzione eccezionale è quella di incarnare la Parola del nostro Signore (‘azza waJalla), sia stato rivelato unicamente a nostro favore, deve farci raddoppiare le lodi, al di là di tutti i limiti. Una tale intensità di lodi si trasforma inevitabilmente in una intensa gratitudine:

الحمد لله الذي هدانا لهاذا

al-hamdu lillâhi-l-ladhî hadânâ lihâdhâ

Lode ad Allah Che ci ha guidati verso ciò.

Perché ringraziare Allah (‘azza waJalla) di avervi donato il Corano? Principalmente, perché Egli vi ha guidato ad uno scopo, ha donato un senso alla vostra vita e vi ha posto sulla Retta Via. Il cammino d’onore e di dignità in questo mondo vi è stato aperto. Nel Corano, voi potete conversare con Allah (subhânaHu waTa’ala). È soltanto seguendo il Corano in questo mondo che potrete giungere al perdono, al Paradiso e alla soddisfazione di Allah (che Egli sia Esaltato).

La gratitudine e la gioia conducono alla fiducia, alla speranza e ai più grandi doni. Colui Che vi ha donato il Corano vi aiuterà certamente a leggerlo, comprenderlo e seguirlo. Il ringraziamento e la gioia generano senza sosta una nuova energia che vi aiuterà a leggere sempre il Corano con nuovo zelo. Più sarete riconoscenti, più grandi saranno le ricchezze che il Corano vi offrirà. La generosità evoca la gratitudine, e quest’ultima vi permette di meritare ancora più generosità – un ciclo senza fine. Tale è la Promessa di Allah (‘azza waJalla):

لَئِنْ شَكَرْتُمْ لَأَزِيدَنَّكُمْ

…Se sarete riconoscenti, accrescerò la Mia Grazia… (Corano XIV. Ibrâhîm, 7)

Il fatto di essere in possesso del Corano e di non provare una immensa riconoscenza non può che significare due cose: o ignorate le benedizioni contenute nel Corano, oppure non vi accordate alcuna importanza. In entrambi i casi, dovreste seriamente preoccuparvi della vostra relazione con il Corano.

Il sentimento di gratitudine che attraversa ogni spazio del vostro cuore e del vostro spirito, deve anche tradursi senza sosta nelle vostre parole. Ringraziate Allah (Gloria a Lui, l’Altissimo) ad ogni passo del vostro viaggio: per aver avuto del tempo da consacrare al Corano, per averlo recitato correttamente, per averlo memorizzato, per ogni significato che vi abbiate scoperto, per aver avuto la possibilità di seguirlo. La gratitudine deve anche tradursi nei fatti.

Accettazione e Fiducia

Accettate ogni conoscenza e ogni istruzione che il Corano vi trasmette e abbiate fiducia senza il minimo dubbio né esitazione.

Voi siete liberi di chiedere se il Corano sia la Parola di Allah (subhânaHu waTa’ala) oppure no, e di credervi o di rigettarlo. Ma una volta che l’abbiate riconosciuto come la Sua Parola, non avete più alcuna ragione di dubitare, nemmeno di una sola parola del Corano. Occorre che vi sia una sottomissione e un abbandono totali all’insegnamento coranico. Le vostre personali dottrine, opinioni, giudizi, nozioni, capricci, non devono avere la priorità su una qualsiasi parte del Corano.

Il Corano condanna coloro che ricevono il Libro come eredità e si comportano come “credenti” disorientati, perplessi e scettici:

وَإِنَّ الَّذِينَ أُورِثُوا الْكِتَابَ مِنْ بَعْدِهِمْ لَفِي شَكٍّ مِنْهُ مُرِيبٍ (14)

…In verità coloro che ricevettero la Scrittura dopo di loro, sono immersi nel dubbio in proposito (Corano XLII. Ash-Shûrâ, 14)

Il Corano pone l’accento in modo ripetuto sul fatto che ogni misura è stata presa per assicurare la sua Rivelazione e la sua trasmissione senza alcuna corruzione, e afferma:

وَبِالْحَقِّ أَنْزَلْنَاهُ وَبِالْحَقِّ نَزَلَ

È in tutta verità che questo Corano è stato rivelato ed è l’espressione stessa della verità… (Corano XVII. Al-Isrâ’, 105)

وَتَمَّتْ كَلِمَةُ رَبِّكَ صِدْقًا وَعَدْلًا لَا مُبَدِّلَ لِكَلِمَاتِهِ

La sentenza di Allah è stata pronunciata: le parole veridiche e giuste del tuo Signore sono coronate dalla Rivelazione del Libro Santo che racchiude la Verità; esso contiene il giudizio corretto tra il vero e il falso. Nessuno può cambiare le parole di Allah né il Suo Libro… (Corano VI. Al-An’âm, 105)

Il fatto di accettare il Corano come totale Verità e di porre tutta la propria fiducia in esso non significa una fede cieca, uno spirito chiuso, senza alcuna ricerca.

Avete tutti i diritti di ricercare, di riflettere, di chiedere e di comprendere ciò che contiene; ma ciò che non potete comprendere nella sua totalità non significa che sia irrazionale o falso. In una minera in cui pensiate che ogni pietra sia un gioiello inestimabile, non gettereste le pietre il cui prezzo non può essere valutato, solo perché gli strumenti di cui disponete non permettono di stimarle.

Così, una parte del Corano non può essere “scartata” come obsoleta o fuori moda; Allah (subhânaHu waTa’ala) è il Signore di tutti i tempi, dunque il Suo Messaggio deve avere la stessa validità quattordici secoli dopo. Accettare una parte del Corano e rigettarne un’altra, significa rigettarlo interamente. Non vi è posto per l’accettazione parziale, nella vostra relazione con il Corano; logicamente, non può esservi.

أَفَتُؤْمِنُونَ بِبَعْضِ الْكِتَابِ وَتَكْفُرُونَ بِبَعْضٍ فَمَا جَزَاءُ مَنْ يَفْعَلُ ذَلِكَ مِنْكُمْ إِلَّا خِزْيٌ فِي الْحَيَاةِ الدُّنْيَا وَيَوْمَ الْقِيَامَةِ يُرَدُّونَ إِلَى أَشَدِّ الْعَذَابِ

…Accettate dunque una parte del Libro e ne rinnegate un’altra? Non c’è altro compenso per colui che agisce così se non l’obbrobrio in questa vita e il castigo più terribile nel Giorno della Resurrezione… (Corano II. Al-Baqara, 85)

Vi sono molte malattie del cuore e dello spirito che possono impedirvi di accettare il Messaggio coranico e di sottomervi ad esso. Tutte sono state descritte dal Corano stesso. Tra le altre, vi sono l’invidia, il pregiudizio, la soddisfazione dei propri desideri e il fatto di seguire ciecamente gli usi e i costumi della società circostante. Ma le più grandi malattie sono la fierezza, l’arroganza e l’orgoglio (kibr e istighnâ), che vi impediscono di abbandonare le vostre opinioni personali, di riconoscere la Parola di Allah (‘azza waJalla) e di accettarla in tutta umiltà:

سَأَصْرِفُ عَنْ آَيَاتِيَ الَّذِينَ يَتَكَبَّرُونَ فِي الْأَرْضِ بِغَيْرِ الْحَقِّ وَإِنْ يَرَوْا كُلَّ آَيَةٍ لَا يُؤْمِنُوا بِهَا وَإِنْ يَرَوْا سَبِيلَ الرُّشْدِ لَا يَتَّخِذُوهُ سَبِيلًا وَإِنْ يَرَوْا سَبِيلَ الْغَيِّ يَتَّخِذُوهُ سَبِيلًا

Presto allontanerò dai segni Miei coloro che sono orgogliosi sulla terra. Quand’anche vedessero ogni segno non crederanno; se vedessero la retta via, non la seguirebbero; se vedessero il sentiero della perdizione lo sceglierebbero come loro via… (Corano VII. Al-A’râf, 146)

إِنَّ الَّذِينَ كَذَّبُوا بِآَيَاتِنَا وَاسْتَكْبَرُوا عَنْهَا لَا تُفَتَّحُ لَهُمْ أَبْوَابُ السَّمَاءِ وَلَا يَدْخُلُونَ الْجَنَّةَ حَتَّى يَلِجَ الْجَمَلُ فِي سَمِّ الْخِيَاطِ

In verità le porte del cielo non si apriranno mai per coloro che smentiscono i Nostri segni allontanandosene orgogliosamente: non entreranno in Paradiso sino a quando un cammello non passi per la cruna di un ago… (Corano VII. Al-A’râf, 40)

Obbedienza e Riforma

Portate con voi tutta la volontà, la risoluzione e siate pronti ad obbedire a tutto ciò che il Corano dice; cambiate la vostra vita, le vostre attitudini e il vostro comportamento – interiormente ed esteriormente – come esso esige.

Preparatevi e cominciate a modellare i vostri pensieri e le vostre azioni in conformità col Messaggio che ricevete dal Corano; in caso contrario, tutto il vostro lavoro non vi sarà di alcuna utilità. Dei semplici esercizi intellettuali e delle esperienze estatiche non vi condurranno mai accanto ai veri tesori del Corano.

Il fatto di non obbedire al Corano e di non cambiare la vostra vita a causa di debolezze e di tentazioni umane, di difficoltà naturali e di impedimenti esterni è una cosa; il fatto di non obbedirvi perché non ne avete alcuna intenzione o non fate alcuno sforzo in questo senso, è tutta un’altra cosa. Allora, potrete forse ottenere la fama quale sapiente del Corano, ma ciò non vi rivelerà, tuttavia, il vero senso del Libro.

Il Corano riserva una delle sue più severe condanne a coloro che professano la fede nel Libro di Allah (‘azza waJalla) ma, quando viene chiesto loro di agire o quando si presenta la situazione di dover prendere delle decisioni, ignorano il suo appello e gli voltano la schiena. Essi sono stati dichiarati munâfiqin (ipocriti),fâsiqin (perversi), zâlimin (ingiusti).

Rischi e ostacoli

Siate sempre coscienti che, quando intraprenderete la recitazione del Corano, Shaytân (a’udhubillah) porrà sempre dinanzi a voi ogni ostacolo possibile e vi seguirà furtivamente nel corso del vostro cammino verso le grandi ricchezze del Corano.

Il Corano è la sola guida sicura suscettibile di porvi sulla Retta Via che conduce verso Allah (‘azza waJalla); camminare su questa via appartiene al destino dell’uomo. Quando Âdam (Adamo, su di lui la pace) fu creato, fu messo al corrente degli ostacoli che l’uomo dovrà superare per realizzare questo destino. Tutte le sue debolezze furono messe a nudo, in particolare la debolezza della sua volontà e della sua risoluzione e il suo oblio:

وَلَقَدْ عَهِدْنَا إِلَى آَدَمَ مِنْ قَبْلُ فَنَسِيَ وَلَمْ نَجِدْ لَهُ عَزْمًا (115)

Già imponemmo il patto ad Adamo, ma lo dimenticò, perché non ci fu in lui risolutezza (Corano XX.Tâ-Hâ, 115)

Âdam (‘alayhi-s-salâm) fu anche chiaramente informato della maniera in cui Satana (il maledetto) avrebbe cercato di sbarrargli il cammino durante tutto il suo tragitto:

قَالَ فَبِمَا أَغْوَيْتَنِي لَأَقْعُدَنَّ لَهُمْ صِرَاطَكَ الْمُسْتَقِيمَ (16) ثُمَّ لَآَتِيَنَّهُمْ مِنْ بَيْنِ أَيْدِيهِمْ وَمِنْ خَلْفِهِمْ وَعَنْ أَيْمَانِهِمْ وَعَنْ شَمَائِلِهِمْ وَلَا تَجِدُ أَكْثَرَهُمْ شَاكِرِينَ (17)

Disse: “Dal momento che mi hai sviato, tenderò loro agguati sulla Tua Retta Via, e li insidierò da davanti e da dietro, da destra e da sinistra, e la maggior parte di loro non Ti saranno riconoscenti” (Corano VII. Al-A’râf, 16-17)

È evidente che il Corano è il vostro più potente alleato suscettibile di aiutarvi nella vostra battaglia, durante tutta la vostra vita, contro Shaytân (il maledetto), affinché vi sforziate di vivere conformemente agli insegnamenti di Allah (‘azza waJalla). Di conseguenza, fin dal primo passo che intraprenderete nella lettura del Corano, fino all’ultimo, quando cercherete di conformarvi ad esso, Shaytân vi affronterà con diversi inganni e astuzie, illusioni e imbrogli, ostacoli e impedimenti che dovrete superare.

Shaytân (a’udhubillah) può deviare la vostra intenzione, può rendervi poco preoccupato del senso e del Messaggio del Corano, creare nel vostro spirito dei dubbi, erigere delle barriere tra la vostra anima e il mondo di Allah (‘azza waJalla), impegolarvi negli insegnamenti periferici piuttosto che in quelli centrali, tentare di allontanarvi dal Corano, di non farvi obbedire ai suoi comandamenti o, semplicemente, di fare in modo che lo trascuriate o che rimandiate il dovere di leggerlo. Tutti questi pericoli sono interamente spiegati nel Corano stesso.

Prendete un semplice esempio: la recitazione quotidiana del Corano, comprendendolo, può apparire facile. Ma cercate di farlo, e vedrete allora come diventa difficile: il tempo fugge, altre cose importanti accadono improvvisamente. La concentrazione di spirito e l’attenzione diventano allora cose che vorreste evitare: perché non limitarsi allora a leggere rapidamente il Corano per ricevere la Barakah?…

Quando vi accorgete di questi pericoli, la vostra lingua dovrebbe pronunciare:

 

أعوذ بالله من الشيطان الرجيم

a’ûdhu billâhi mina-sh-Shaytâni-r-rajîm

conformemente a ciò che ordina il Corano:

فَإِذَا قَرَأْتَ الْقُرْآَنَ فَاسْتَعِذْ بِاللَّهِ مِنَ الشَّيْطَانِ الرَّجِيمِ (98)

Quando leggi il Corano, cerca rifugio in Allah contro Satana il lapidato(Corano XVI. An-Nahl, 98)

Fiducia e Dipendenza

Ponete la vostra fiducia esclusivamente e totalmente in Allah (che Egli sia Esaltato) per guidarvi verso la totalità delle ricompense rilevanti dalla lettura del Corano.

Così come è per la Sua Grazia infinita che le Parole del Corano vi sono pervenute, allo stesso modo è soltanto la Sua Grazia che potrà aiutarvi nel vostro compito cruciale. Avete bisogno di importanti e preziose provvigioni, che non sono facili da acquisire. Fate fronte ad immensi pericoli che sono difficili da superare. A Chi potete rivolgervi se non a Lui (‘azza waJalla), per tenervi la mano e guidarvi nel vostro lungo cammino?

Il vostro desiderio e il vostro sforzo costituiscono i mezzi necessari, ma la Sua Grazia e il Suo Sostegno si rivelano essere le sole garanzie che vi permetteranno di seguire il vostro cammino con successo e profitto. In Lui, solamente, dovete avere fiducia come veri credenti. A Lui, solamente, dovrete rivolgervi per ogni cosa nella vita. E quale cosa è più importante del Corano?

Allo stesso modo, non ostentate mai fierezza per quanto riguarda ciò che fate per il Corano, ciò che avete compiuto. Siate sempre coscienti delle vostre insufficienze e dei vostri limiti, dinanzi ad un compito che non ha eguali.

Avvicinatevi dunque al Corano in tutta umiltà, con un senso di completa dipendenza da Allah (che Egli sia Esaltato), alla ricerca del Suo aiuto e del Suo sostegno ad ogni passo.

È in questo spirito di fiducia, di lode e di gratitudine che la vostra lingua e il vostro cuore, in mutua armonia, devono cominciare la recitazione con:

 

بسم الله الرحمان الرحيم

Bismillâhi-r-Rahmâni-r-Rahîm

Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo

È questo versetto che appare all’inizio di tutte le Sûre del Corano, ad eccezione di una sola.

رَبَّنَا لَا تُزِغْ قُلُوبَنَا بَعْدَ إِذْ هَدَيْتَنَا وَهَبْ لَنَا مِنْ لَدُنْكَ رَحْمَةً إِنَّكَ أَنْتَ الْوَهَّابُ (8)

Signor nostro! Non lasciare che i nostri cuori si perdano dopo che li hai guidati e concedici misericordia da parte Tua! In verità Tu sei Colui Che dona(Corano III. Âl-’Imrân, 8)

dal sito Sajidine

Annunci

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...