Invito a pranzo

بسم الله الرحمان الرحيم

Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo

 

Essere invitati a mangiare da un non musulmano

dal sito La Page de l’Islâm

Domanda: Se un non musulmano ci invita a mangiare da lui, possiamo accettare il suo invito?

Risposta di Mouhammad Patel: Per ciò che riguarda il fatto di mangiare a casa di non musulmani, shaykh Khâlid Sayfullah afferma nella sua opera “Halâl waHarâm” che ciò è assolutamente permesso, a condizione naturalmente che il cibo in sé sia lecito (halâl) e che non vi siano cose illecite (harâm) come carne di porco o vino che siano consumate a tavola.

Egli cita come referenza “Al-Mughni” dell’Imâm Ibn Qudama al-Hanbali (rahimahullah), che presenta come argomento per accordare tale permesso il noto fatto che lo stesso Profeta Muhammad (sallAllahu ‘alayhi waSallam) accettò l’invito di un giudeo.

Egli ricorda che l’Islâm insegna il buon comportamento e la cortesia nei confronti degli esseri umani in generale, senza fare distinzioni tra Musulmani e non musulmani.

Tuttavia, egli precisa che se l’invito ha una dimensione religiosa, nel caso per esempio di un invito da parte di un indù (shaykh Khâlid abita in India) in occasione del “Diwâli” (festa religiosa indù), in questo caso non è permesso accettare l’invito, poiché ciò è assimilato ad un apprezzamento, anche solo implicito, del loro culto (tale ragionamento è ovviamente valido nel caso di inviti da parte, per esempio, di cristiani per il “Natale” o la “Pasqua”, ecc. ndt).

Aggiungiamo che è anche permesso invitare un non musulmano a mangiare da noi.

waAllahu A’lam!

E Allah è il Più Sapiente!

———————————————-

 

بسم الله الرحمان الرحيم

Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo

 

Essere invitati ad un pasto in cui si trovino delle cose proibite (harâm)…

dal sito La Page de l’Islâm

Domanda: È permesso prendere parte ad un invito in cui si trovino delle cose proibite?

Risposta di Mouhammad Patel: Per deliberare in merito alla questione a cui lei fa allusione, i Sapienti si basano sull’hadîth in cui è riportato che il Profeta Muhammad (sallAllahu ‘alayhi waSallam) vietò di sedersi ad una tavola in cui venga consumato l’alcol.

Questo hadîth è citato nell’opera “Jam’u-l-Fawâ’id“.

A partire da ciò, gli Ulamâ’ hanno sviluppato un certo numero di regole per analogia, allo scopo di determinare le condizioni in cui è permesso prendere parte ad un invito (o non lo è). Cercherò di riassumere per lei la posizione delle diverse scuole giuridiche.

Secondo la scuola hanafita:

Se si sa in anticipo che l’invito comprende delle cose illecite (consumo di bevande alcoliche, musica, ecc.), allora non è permesso accettarlo.

Se non si sa nulla in anticipo, ed è solo arrivando sul posto che si constata la presenza di cose proibite, allora diversi casi possono presentarsi:

– Le cose proibite si trovano a tavola (presenza di bevande alcoliche, ecc.): in questo caso non è permesso prendere parte a questo invito.

– Le cose proibite non si trovano a tavola: se il Musulmano invitato beneficia di una certa stima agli occhi della comunità ed ha una certa statura religiosa, allora deve dapprima cercare di far sì che tali cose proibite siano ritirate (certamente se è in grado di farlo). Altrimenti, non gli è permesso prendere parte a questo invito.

Se la persona non è considerata come una referenza in materia di religione, allora cercherà comunque di fare del suo meglio perché il male sia ritirato. Se non può fare nulla a riguardo, le è permesso, anche se fortemente sconsigliato, di prendere parte all’invito.

Secondo le scuole Shafi’ita e Hanbalita (anche l’opinione della scuola Malikita è praticamente identica):

Se la persona è al corrente in anticipo della presenza di cose vietate durante l’invito, ed ha il potere di intervenire perché siano ritirate, allora è obbligatorio presentarsi poi, intervenendo all’invito. Se non ha il potere di far ritirare l’illecito, allora non le è permesso presentarsi.

Per quanto riguarda la persona che non sia al corrente e che constati la presenza delle cose harâm al suo arrivo, la regola è la stessa: se può intervenire contro il male, deve farlo, altrimenti deve andarsene.

waAllahu A’lam!

E Allah è il Più Sapiente!

Annunci

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...