Richiesta di consigli sulla scelta del mio [futuro] marito


بسم الله الرحمن الرحيم

As-salâmu ‘alaykum waRahmatullâhi waBarakâtuHu,

Imploro Allah, l’Altissimo, perché vi ricompensi nel modo migliore per questa tribuna.

Fratelli miei in Allah,

Avrei bisogno dei vostri consigli nel più breve tempo possibile: molti giovanotti mi hanno chiesta in sposa, alcuni sono sul minhâj dei Salaf, e altri sono ancora all’inizio del loro iltizâm (pratica religiosa); quale scegliere?

È preferibile che io dichiari la mia ‘aqidah (che è quella dei mujâhidîn) fin dall’inizio? E – in caso affermativo – qual è il miglior mezzo per farlo loro sapere?

Hoda

Risposta del comitato legale del Minbar

La lode spetta ad Allah, pace e benedizioni sul Suo Messaggero.

Onorabile sorella,

Il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) disse: “Se si presenti a voi colui la cui religione e il cui carattere vi soddisfino, sposatelo. Se ve ne asterrete, ciò sarà causa di un grande dissenso e di una corruzione sulla Terra”.

Ecco ciò di cui il Profeta (sallAllahu ‘alayhi waSallam) le ha raccomandato [di tenere conto]: la religione e il carattere, sapendo che il vertice della religione e ciò che costituisce il suo pilastro è il tawhîd.

Così, se colui che viene a chiederla in sposa faccia parte dei fratelli muwahhidîn che vivono [in conformità con] il tawhîd, facendovi appello, evitando lo shirk e i suoi adepti, amando i mujâhidîn e prendendoli per alleati; e se – in più – sia dotato di un buon carattere, non se lo lasci sfuggire, senza interrogarsi ulteriormente a proposito della sua ricchezza o povertà, dei suoi diplomi o del suo posto di lavoro.

Potrà rendersene conto durante il periodo di inchiesta, poiché ogni pretendente che le si presenti deve darle il tempo di consultare Allah (tramite la preghiera dell’istikhâra), e di informarsi su di lui presso gente di cui lei abbia fiducia a livello della religiosità, tra le sue conoscenze; potrà anche fargli comprendere la sua ‘aqidah attraverso i suoi fratelli, la donna incaricata di trovargli una sposa, oppure la sua stessa famiglia.

Ciò che le raccomandiamo è la miglior cosa, e l’ideale, ma ciò non significa che se nessuno rispondente ai suoi criteri le si presenti, e invece un musulmano globalmente apprezzabile per la sua religione, lontano dalla via dei criminali e dotato di un buon carattere venga a chiederla in sposa, lei debba preferire il nubilato piuttosto che un tale matrimonio, no. In effetti, il nostro consiglio è valido nel caso in cui lei possa scegliere tra numerosi pretendenti [tra cui dei fratelli come quelli descritti innanzi].

Implori l’aiuto di Allah e sia sincera nelle sue invocazioni, affinché Egli le accordi il successo nella scelta del marito, che sarà un beneficio sia per la sua religione che per la sua vita di quaggiù.

Che Allah le accordi il successo, che la gratifichi di un buon marito monoteista e di una discendenza pia.

Jazakumullahu khayran FATWAISLAM

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...