L’eccesso alimentare durante il mese di Ramadân

بسم الله الرحمن الرحيم

Ogni eccesso è proibito, ancor più quello alimentare.

A questo proposito, Allah l’Altissimo dice:

وَكُلُوا وَاشْرَبُوا وَلَا تُسْرِفُوا ۚ إِنَّهُ لَا يُحِبُّ الْمُسْرِفِينَ

Mangiate e bevete, ma senza eccessi, ché Allah non ama chi eccede (Corano VII. Al-Acrâf, 31)

Il Profeta (sallAllahu calayhi waSallam) disse: “Nessun essere umano riempie un recipiente peggiore del proprio ventre; gli sono sufficienti alcuni bocconi che gli permettano di stare in piedi. Se non se ne possa accontentare, che riservi un terzo del suo stomaco per il cibo, un terzo per le bevande e un terzo [vuoto] per la respirazione” [riportato da at-Tirmidhî, 2380 e Ibn Mâjah, 3349. Classificato autentico in Sahîh at-Tirmidhî, 1939].

Gli eccessi alimentari comportano numerosi inconvenienti:

– Più ci si abbandona al godimento dei beni di quaggiù, meno importante sarà la parte che si riceverà di tali cose nell’Aldilà.

Al-Hâkim ha riportato, da Abû Juhayfa, che il Messaggero di Allah (sallAllahucalayhi waSallam) disse: “Coloro che si saziano più spesso quaggiù saranno coloro che soffriranno di più la fame nel giorno della Resurrezione” [l’hadîth è stato riportato da Ibn Abî-d-Dunyâ che l’ha commentato così: “Ecco perché Abû Juhayfa non si saziò mai, fino alla morte” – dichiarato autentico da shaykh Al-Albanî in Silsilat al-ahadîth as-Sahîha, 342].

cUmar (radiAllahu canhu) disse: “In nome di Allah, se volessi, potrei essere – tra voi – quello che indossi gli abiti migliori, che consumi il cibo migliore e conduca la vita più agiata. Ma ho sentito Allah prendersela con della gente, per un comportamento che essi avevano adottato:

أَذْهَبْتُمْ طَيِّبَاتِكُمْ فِي حَيَاتِكُمُ الدُّنْيَا وَاسْتَمْتَعْتُم بِهَا فَالْيَوْمَ تُجْزَوْنَ عَذَابَ الْهُونِ بِمَا كُنتُمْ تَسْتَكْبِرُونَ فِي الْأَرْضِ بِغَيْرِ الْحَقِّ وَبِمَا كُنتُمْ تَفْسُقُونَ

Avete dissipato i vostri beni nella vita terrena e ne avete goduto. Oggi siete compensati con un castigo avvilente, per l’orgoglio che, senza alcun diritto, manifestavate sulla terra e per la vostra perversione (Corano XLVI. Al-Ahqâf, 20)” [cfr. Hilyat al-awliyâ, 1/49].

– [L’eccesso alimentare] può distrarre l’individuo da molti atti di culto, come la lettura del Sublime Corano, che invece dovrebbe costituire un’occupazione maggiore per il musulmano nel mese benedetto di Ramadân, secondo la tradizione dei Pii Predecessori.

È così che si vede una donna consacrare la maggior parte della giornata a preparare il pasto e buona parte della notte a confezionare dolci e bevande.

– Quando si mangia troppo si diventa pigri e facilmente ci si lascia vincere dal sonno. E ciò si riduce ad una perdita di tempo. Sufyân ath-Thawri ha detto: “Se vuoi avere un corpo sano e un sonno moderato, mangia poco”.

– L’eccesso nell’assunzione del cibo comporta l’inavvertenza del cuore [la mancanza di concentrazione].

Fu chiesto all’Imâm Ahmad: “Si può avere il cuore sensibile, pur essendo ben sazi?”.

Rispose: “Non penso”. Ossia: non è la mia opinione.

E Allah è il più Sapiente.

Shaykh Salih Al-Munajjid (hafizahullah).

 

 

Che Allah l’Altissimo ci riformi e ci guidi, âmîn.

Advertisements

As-salamu 'alaykum waRahmatullahi waBarakatuHu. Benvenuto/a su questo blog. I commenti costruttivi saranno visibili appena il gestore del blog li avra' approvati inshaa Allah.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...